Visualizza carrello “2 Pietro” è stato aggiunto al tuo carrello.
In offerta!
Il Dio che Ama - John MacArthur

Il Dio che ama

14,00 7,00

La dottrina dell’amore di Dio non è affatto semplice. Solleva tutta una serie di difficoltà, sia a livello filosofico che teologico. Per esempio, tanto per accennare ad alcune delle domande più comuni: se Dio è amore, perché manda persone all’inferno? Perché permette il peccato, la sofferenza e il dolore? Come possono esistere genocidi, disastri naturali e altre forme di distruzione di massa e sofferenza umana in un universo architettato da un Dio veramente amorevole? E prima di tutto ciò, perché Dio ha permesso che tutto il genere umano cadesse a capofitto nel peccato?

PAGINE: 240

ISBN: 978-88-88428-34-5

TEMATICA:

Introduzione

Introduzione

  1. DIO HA TANTO AMATO IL MONDO
    • L’amore di Dio nella storia recente della Chiesa
    • L’amore di Dio e la Chiesa contemporanea
    • L’amore di Dio per il mondo che non crede
  2. DIO E’ AMORE
    • L’amore è al centro del carattere di Dio
    • Chiunque ama è nato da Dio e conosce Dio
    • Chi non ama, non ha conosciuto Dio
    • La croce è la dimostrazione più grande dell’amore di Dio
  3. CONSIDERATE LA BONTÀ…
    • La città del peccato
    • Un profeta riluttante e un grande risveglio
    • Il ravvedimento è il dono di Dio
  4.  …E CONSIDERATE LA SEVERITÀ DI DIO
    • L’inflessibile giustizia di Dio
    • La potenza irresistibile di Dio
    • La grazia infinita di Dio
    • La santità inconcepibile di Dio
  5. BASTA QUELLO CHE HO IMPARATO DA BAMBINO SULL’AMORE DI DIO?
    • Risposte sbagliate a domande difficili sull’amore di Dio
    • Domande sbagliate basate su un’errata visione di Dio
    • Deduzioni sbagliate da una visione errata della provvidenza di Dio
    • Due aspetti dell’amore di Dio
  6. L’AMORE DI DIO PER L’UMANITÀ
    • Dio ama tutto il mondo?
    • La Sua offerta di salvezza è sincera?
    • Dio ama veramente coloro che alla fine non salva?
    • In che senso l’amore di Dio è universale?
  7. L’AMORE DI DIO PER I SUOI ELETTI
    • I limiti dell’amore universale
    • La grandezza dell’amore salvifico di Dio
    • Un amore sovranamente elargito
    • Un’immagine grafica di un amore inesauribile
    • Una fedeltà costante di Dio
  8. TROVARE LA SICUREZZA NELL’AMORE DI DIO
    • L’esempio: Il figlio prodigo
    • La dottrina: Romani 8
    • La conclusione: nulla può separarci dall’amore di Dio in Cristo Gesù
    • Riassumendo: Dio è amore

Appendice 1: IN DIO NON C’È IRA di Thomas Chalmers

Appendice 2: L’AMORE DI DIO SI ESTENDE AI NON ELETTI? di Andrew Fuller

Appendice 3: CRISTO È IL SALVATORE DEL MONDO di Thomas Boston

Appendice 4: L’AMORE DI DIO PER IL MONDO di John Brown

Note

Dettagli

Diversi anni fa, ebbi modo di viaggiare per vari giorni con i noti cantanti cristiani Bill e Gloria Gaither. Ad un certo punto, chiesi a Bill: “A parte i Salmi ispirati da Dio, qual è, secondo te, il testo poetico più bello mai scritto da un cristiano e poi musicato?” Senza esitare, egli cominciò a recitare le parole dell’inno di F.M. Lehman, “L’amor di Dio”:

L’amor di Dio è ben più grande
Di quanto l’uomo possa dir
Và più lontano delle stelle
E più profondo dell’abisso.
Sì, per salvar l’umanità
Dio diede il proprio figlio
E i peccatori riconciliò
I loro peccati perdonò.

E quando il tempo finirà
Ed ogni regno terreno passerà
Quando il terribile giudizio
Sui ribelli allora cadrà
L’amor di Dio perdurerà
Stabile, forte ed infinito
La redenzione del genere umano
Il canto dei santi e degli angeli

Avessimo pure oceani d’inchiostro
E i cieli come pergamene
E ogni stelo per pennello
E ogni uomo come scrittore,
Pur non riusciremmo mai a descrivere
Di Dio l’eterno e immenso amore
L’inchiostro si prosciugherebbe
La distesa dei cieli non basterebbe.

O com’è grande l’amore di Dio,
Immensurabile e forte!
Per sempre esso rimarrà
Il canto dei santi e degli angeli.

Secondo Bill Gaither, non vi è inno cristiano che superi la terza strofa di quest’inno. Di fatto, pochi inni mi vengono in mente che gli si possono paragonare. L’espressione poetica è bellissima; il significato è profondo.

Mentre riflettevo su quel canto,diversi passi della Scrittura mi vennero in mente: “Dio è amore” scrisse l’apostolo Giovanni (I Giovanni 4:8,16). “La sua benignità dura in eterno” ripete continuamente il Salmo 136. Le stesse parole appaiono almeno quarantuno volte nell’Antico Testamento. “La tua bontà val più della vita” ricorda il Salmista (Salmo 63:3). Dio è “pietoso e misericordioso, lento all’ira e grande in bontà e in verità” (Salmo 86:15). Egli “è buono; la sua bontà dura in eterno” (Salmo 100:5). In un altro Salmo Davide scrive: “O Dio com’è preziosa la tua benevolenza! Perciò i figli degli uomini cercano rifugio all’ambra delle tue ali” (Salmo 36:7). E ancora: “Io canterò per sempre la bontà del Signore… La sua bontà sussiste in eterno” (Salmo 89:1,2).

Il Nuovo Testamento ci mostra la più grande dimostrazione dell’amore di Dio: “Dio invece mostra la grandezza del proprio amore per noi in questo: che mentre eravamo ancora peccatori, Cristo è morto per noi” (Romani 5:8). “In questo si è manifestato per noi l’amore di Dio: che Dio ha mandato il suo unico Figlio nel mondo, affinché per mezzo di lui, vivessimo. In questo è l’amore: non che noi abbiamo amato Dio, ma che egli ha amato noi, e ha mandato il suo Figlio per essere il sacrificio propiziatorio per i nostri peccati” (I Giovanni 4:9,10). “Ma Dio che è ricco in misericordia, per il grande amore con cui ci ha amati, anche quando eravamo morti nei peccati, ci ha vivificati con Cristo (è per grazia che siete stati salvati), e ci ha risuscitati con lui e con lui ci ha fatti sedere nel cielo in Cristo Gesù” (Efesini 2:4-6). E il versetto più conosciuto afferma: “Poiché Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figliuolo affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna” (Giovanni 3:16). Per questo l’apostolo esulta dicendo: “Vedete quale amore ci ha manifestato il Padre” (I Giovanni 3:1)!

Chiaramente l’amore e la bontà di Dio sono temi costanti dell’Antico e del Nuovo Testamento. Se prendiamo come indicazione lo spazio che la Bibbia dedica a questo soggetto, non esiste una verità più importante dell’amore di Dio. In quasi ogni pagina della Scrittura troviamo affermazioni riguardo alla bontà, alla compassione, alla benevolenza, alla pazienza, alla benignità e alla grazia di Dio: tutte virtù che esprimono l’amore di Dio.

La dottrina dell’amore di Dio non è affatto semplice. Solleva tutta una serie di difficoltà, sia a livello filosofico che teologico. Per esempio, tanto per accennare ad alcune delle domandi più comuni: se Dio è amore, perché manda persone all’inferno? Perché permette il peccato, la sofferenza e il dolore? Come possono esistere genocidi, disastri naturali e altre forme di distruzione di massa e sofferenza umana in un universo architettato da un Dio veramente amorevole? E prima di tutto ciò, perché Dio ha permesso che tutto il genere umano cadesse a capofitto nel peccato?

In tutta onestà, dobbiamo riconoscere che si tratta di domande difficili. Tutti ce le siamo poste. Molti di noi sono stati sfidati da persone scettiche a rispondere adeguatamente a simili quesiti, e se siamo onesti, dobbiamo ammettere che farlo non è facile. Dio stesso ha ritenuto inopportuno rivelarci le risposte ad alcune di queste domande. Al contrario, rivelandosi a noi come un Dio amorevole, onnisciente, giusto e supremamente buono, Egli vuole semplicemente che ci fidiamo di Lui.

Ciò diventa sempre più facile via via che comprendiamo l’insegnamento delle Scritture riguardo all’amore di Dio. In questo libro affronteremo alcuni di questi difficili quesiti, ma solo dopo aver posto i fondamenti per comprendere ciò che la Bibbia intende quando afferma che “Dio è amore”.

Bisogna notare anche che alcune delle peggiori distorsioni della verità cristiana sono derivate proprio dall’idea che Dio si debba comprendere solo in quanto Dio d’amore. Chi sostiene questa idea spesso nega che in Dio vi possa essere ira nei confronti del peccato, perché non riesce a concepire un Dio che ami i peccatori e al contempo sia adirato nei loro confronti. Altri, nel tentativo di dissociare un Dio d’amore dalle tragedie e dai crimini e il terrore nel mondo, credono che Egli non sia onnipotente, altrimenti porrebbe fine a tutte le sofferenze.

D’altro canto, alcuni credenti, sinceramente preoccupati di rimanere fedeli alla sana dottrina, hanno una tale paura di enfatizzare a dismisura l’amore di Dio, che evitano addirittura di parlarne. Poiché la nostra cultura è così “innamorata” del peccato e così insensibile all’odio che Dio prova nei confronti del peccato, temono che predicare l’amore di Dio non farebbe che incoraggiare questo stato di cose. Chi ragiona in questo modo, però, spesso tende a interpretare ogni cosa negativa che accade come un giudizio di Dio.

Entrambi questi estremismi presentano un concetto distorto di Dio e non fanno che confondere ancora di più la problematica relativa all’amore di Dio.

Restando entro i limiti della rivelazione biblica, si possono evitare ambedue queste distorsioni. Esaminando ciò che la Bibbia dice riguardo all’amore di Dio, vedremo come questo meraviglioso amore può essere presentato ai peccatori e come si armonizza perfettamente con il Suo odio per il peccato. Ciò che era difficile comprendere sarà reso più chiaro.

Nel corso della nostra ricerca della verità, tuttavia, dovremo essere disposti a disfarci di idee sentimentali riguardo all’amore di Dio. Molti dei nostri presupposti dovranno essere rettificati. L’amore e la santità di Dio dovranno essere considerati attentamente e compresi alla luce del Suo odio per il peccato. Dovremo considerare l’amore dal punto di vista di Dio prima di poterne capire il significato per noi.

Come sempre, il rimedio sarà un cuore aperto ad accogliere tutti gli insegnamenti trasmessici dalla Bibbia, i quali tenterò di esporre in modo ampio e ben equilibrato. Come diceva l’inno sopra citato, per trattare questo soggetto come merita non basterebbe tutto l’inchiostro del mondo. Infatti, la Scrittura ci insegna che i cristiani trascorreranno l’eternità a studiare l’amore di Dio. Per questo, l’opportunità di scrivere questo libro è stato per me un po’ come assaggiare una briciola di cielo. E per quanto riguarda voi lettori, spero che questo libro vi aiuterà ad acquisire un concetto più profondo della gloria di Dio e a capire che tutto il dolore e la tristezza presenti nel mondo non rappresentano una negazione dell’amore che Dio ha per l’umanità. Al contrario: solo una conoscenza personale del Suo amore può renderci capaci di affrontare i superare i dolori e le tragedie della vita.

Nei primi tre capitoli porrò le basi necessarie per capire l’amore di Dio. Dal capitolo 4 in poi tratteremo le difficili domande a cui abbiamo già accennato. Nei capitoli successivi vedremo come l’amore di Dio definisca Dio stesso, come si applichi all’umanità in generale, e in fine, come si applica ai credenti in particolare.

La mia preghiera per chi leggerà questo libro fa eco alle parole dell’apostolo Paolo agli Efesini:

“…che Cristo abiti per mezzo della fede nei vostri cuori, perché, fondati e radicati nell’amore, siate resi capaci di abbracciare con tutti i santi quale sia la larghezza, la lunghezza, l’altezza e la profondità dell’amore di Cristo e di conoscere questo amore che sorpassa ogni conoscenza, affinché siate ricolmi di tutta la pienezza di Dio”.  (Efesini 3:17-19)

Informazioni aggiuntive

Peso 0.330 kg
Pagine