Visualizza carrello “Il solido fondamento di Dio” è stato aggiunto al tuo carrello.
-35%
Padre Nostro

Padre Nostro

6,00 3,90

Collana: Tesori di ieri, per la vita di oggi

Le pagine di questo libro racchiudono un piccolo-grande tesoro: piccolo per le dimensioni; grande per i contenuti. Fu scritto da un pastore evangelico italiano più di 400 anni fa, in un momento storico in cui essere evangelici in Italia costava veramente caro. Sacerdote cattolico, di origini piemontesi, Francesco Truchi si convertì alla fede evangelica dopo una profonda crisi di coscienza. Rifugiatosi a Ginevra nel 1559, vi rimase quattro anni per studiare la Scrittura e prepararsi ad un ardente apostolato nella sua terra natia. Nel 1563, infatti, Truchi tornò in Piemonte e per trent’anni si adoperò come evangelista e pastore nelle comunità di Val Grana, Angrogna, Dronero e Luserna San Giovanni. Dal ’67 al ’72 patí un’ orrenda prigionia nei sotterranei del castello di Saluzzo, ma una volta liberato, riprese indomito la sua opera evangelica: fino al ’93, anno in cui, ammalatosi di tifo, morì. Truchi ci ha lasciato due importanti manoscritti: una Confessione di fede, redatta dal carcere, nella quale spiega, fra l’altro, le ragioni che lo spinsero a lasciare la religione cattolica e abbracciare la fede evangelica; e una lunga Lettera dottrinale, indirizzata ad una nobile donna piemontese che, incerta, si interrogava su come riconoscere “la vera chiesa di Dio”. Nel 1580, sotto pseudonimo, Truchi pubblicò anche un libro intitolato Il Piovano, cioè sedici sermoni composti da messer Vittor de’ Popoli. Profondi nei contenuti, incisivi nell’applicazione pratica, intensi nello spirito, questi sermoni costituivano di fatto una straordinaria somma della fede cristiana. In questo volume ne ripubblichiamo sei, interamente dedicati al tema della preghiera. Li riproponiamo in una versione riveduta nel linguaggio, certi che saranno di grande benedizione ai lettori di oggi come lo furono ai lettori di ieri.

PAGINE: 80

ANNO: 2015

ISBN: 978-88-88428-48-2

PAROLE CHIAVE:

Introduzione

Sacerdote cattolico, di origini piemontesi, Francesco Truchi si convertì alla fede evangelica dopo una profonda crisi di coscienza. Rifugiatosi a Ginevra nel 1559, vi rimase quattro anni per studiare la Scrittura e prepararsi ad un ardente apostolato nella sua terra natia. Nel ’63, infatti, Truchi tornò in Piemonte e per trent’anni si adoperò come evangelista e pastore nelle comunità di Val Grana, Angrogna, Dronero e Luserna San Giovanni. Dal ’67 al ’72 patì un’orrenda prigionia nei sotterranei del castello di Saluzzo, ma una volta liberato, riprese indomito la sua opera evangelica: fino al ’93, anno in cui, ammalatosi di tifo, morì.

Truchi ci ha lasciato due importanti manoscritti: una Confessione di fede, redatta dal carcere, e una lunga Lettera dottrinale indirizzata ad una nobile donna piemontese. Nel 1580, sotto pseudonimo, Truchi pubblicò anche un libro intitolato Il Piovano, cioè sedici sermoni composti da messer Vittor de’ Popoli. Profondi nei contenuti, incisivi nell’applicazione pratica, intensi nello spirito, questi sermoni costituivano di fatto una straordinaria somma della fede cristiana. La loro particolarità sta nel fatto che Truchi li scrisse impersonando un sacerdote cattolico che, convertitosi alla fede evangelica, predica sui soggetti trattati dal Catechismo Tridentino, detto anche Romano (1a ediz. 1566), ma da una prospettiva evangelica! Per comprendere correttamente questi sermoni, quindi, dobbiamo immaginarci un tradizionale uditorio italiano, di fede cattolica, nel mezzo del quale, però, sono presenti persone interiormente convertite al vangelo della grazia, alle quali, di tanto in tanto, il predicatore rivolge particolari e sensibili appelli alla fedeltà, alla perseveranza, al sequela di Cristo, nonostante la difficoltà delle circostanze. Una situazione che a noi, oggi, potrà sembrare paradossale, ma che nel ’500 fu vissuta da tanti ecclesiastici cattolici che, convertitisi alla fede evangelica, cercarono di predicare la Parola di Dio alle loro rispettive comunità, oppure itinerando da luogo a luogo, finchè poterono. Alcuni infatti furono arrestati e uccisi, come Girolamo Galateo, Giovanni Buzio, Baldo Lupatino, Bartolomeo Fonzio, altri invece riuscirono a fuggire oltralpe, come Pietro Martire Vermigli, Agostino Mainardo, Giulio da Milano, Francesco Truchi.

Autore

Sacerdote cattolico, di origini piemontesi, Francesco Truchi si convertì alla fede evangelica dopo una profonda crisi di coscienza. Rifugiatosi a Ginevra nel 1559, vi rimase quattro anni per studiare la Scrittura e prepararsi ad un ardente apostolato nella sua terra natia. Nel ’63, infatti, Truchi tornò in Piemonte e per trent’anni si adoperò come evangelista e pastore nelle comunità di Val Grana, Angrogna, Dronero e Luserna San Giovanni. Dal ’67 al ’72 patì un’orrenda prigionia nei sotterranei del castello di Saluzzo, ma una volta liberato, riprese indomito la sua opera evangelica: fino al ’93, anno in cui, ammalatosi di tifo, morì.

Informazioni aggiuntive

Peso 0.118 kg
Pagine

Anno di pubblicazione